Vai al contenuto

Lo sceneggiatore David Koepp, attualmente a lavoro sulla stesura del copione del quinto capitolo della saga di Indiana Jones, ha rilasciato interessanti dichiarazioni durante un'intervista per Entertainment Weekly. Koepp ha affermato che il copione per Indiana Jones 5 è in fase avanzata, ed è una sceneggiatura molto soddisfacente.

Il film è previsto per luglio del 2020, e la data fatidica per l'inizio delle riprese non è ancora stata stabilita. Koepp tiene a precisare che per stabilire l'inizio vero e proprio della lavorazione, dipenderà dalle volontà e dagli impegni di Steven Spielberg ed Harrison Ford, pronti a tornare ancora una volta nelle vesti di regista e attore protagonista. La notizia più significativa è che Shia Labeouf, che nel quarto capitolo interpretò il figlio di Indy, non sarà coinvolto nel progetto.

Vi potrebbero interessare i nostri articoli sulla saga di Indiana Jones, potete leggerli cliccando ai seguenti link:

Recensione e analisi: "Indiana Jones e i predatori dell'arca perduta - La prima avventura non si scorda mai"

Recensione e analisi: "Indiana Jones e il tempio maledetto - Un cult da riscoprire"

Recensione e analisi: "Indiana Jones e l'ultima crociata"

Recensione e analisi: "Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo"

Redazione: CineHunters

Nasceva il 13 luglio del 1942 Harrison Ford: icona del cinema d'avventura.

Raggiunse la fama planetaria nel 1977 con il ruolo del contrabbandiere Han Solo nella trilogia classica di "Star Wars" e divenne un simbolo del cinema con il ruolo dell'archeologo Indiana Jones nella tetralogia creata da George Lucas e Steven Spielberg. Tra i suoi film più famosi, oltre quelli già citati, meritano un'assoluta citazione "Blade Runner", "Il fuggitivo", "Giochi di potere", "Sotto il segno del pericolo" e "Witness - Il testimone" ruolo per il quale ricevette la sua prima e unica candidatura al premio Oscar.

Molti dei personaggi interpretati da Ford consistono in eroi duri, decisi ma sempre lievemente autoironici.

Vogliamo omaggiare i 75 anni dell'attore invitandovi a leggere i nostri articoli sulla saga di "Indiana Jones".

Per leggere il nostro articolo dedicato a "I Predatori dell'arca perduta" clicca qui

Per leggere il nostro articolo su "Il tempio maledetto" clicca qui

Per leggere il nostro articolo su "L'ultima crociata" clicca qui

Per leggere il nostro articolo su "Il regno del teschio di cristallo" clicca qui

Redazione: CineHunters

Mark Hamill non le manda di certo a dire. Ultimamente, l’attore interprete del leggendario Luke Skywalker, ha rilasciato delle dichiarazioni molto significative.

Hamill non ha mai fatto mistero di essere rimasto perplesso su alcune scelte del regista J.J. Abrams relative al primo episodio della cosiddetta trilogia Sequel. Non è rimasto soddisfatto di essere entrato in scena solo negli ultimi istanti del film, senza neppure poter proferire alcuna parola. Hamill ha recentemente criticato anche la scena della morte di Han Solo (Harrison Ford) motivando tali critiche con un parere molto personale ma, di certo, condivisibile: Hamill ha infatti affermato che un personaggio importante come Han è morto dinanzi a due persone (Rey e Finn) che lo hanno conosciuto da poco più di venti minuti (battuta dello stesso Hamill). Secondo l’interprete del cavaliere Jedi, Han avrebbe dovuto avere un ultimo momento cinematografico insieme ai gemelli Skywalker, così da ricreare l’iconico trio della trilogia classica. Di conseguenza, sarebbe dovuto spirare tra le braccia di Luke o quelle dell’amata Leia, personaggi che con Solo hanno condiviso una vita. Una critica che può offrire, senza dubbio, qualche interessante spunto di riflessione.

Uno scatto che ritrae Mark Hamill e Harrison Ford, pubblicato dallo stesso Mark.

 

Ciò che sembra preoccupare maggiormente i fan, sono le nuove dichiarazioni dell’attore, che proprio nella giornata di ieri ha affermato che ciò che è diventato il suo Luke non lo convince affatto.  Le scelte di sceneggiatura e le libertà registiche potrebbero stravolgere ciò a cui siamo abituati di credere circa l’universo di Star Wars e il personaggio di Luke. Un grosso colpo di scena era avvenuto nel secondo episodio della trilogia classica, ovvero “L’impero colpisce ancora”, quando Vader rivelò la sua verà identità. E’ evidente che la Disney e la Lucasfilm, seguendo una sorta di “venerazione” verso la vecchia trilogia, vogliano ricreare un’atmosfera del tutto simile a quella del film del 1980. Che possa accadere qualcosa che sconvolgerà ciò che crediamo di sapere su uno dei personaggi principali della saga, ovvero Luke?

Mark Hamill è un attore che ama spesso scherzare, quindi le sue recenti affermazioni sull’episodio VIII potrebbero essere in parte provocatorie. Eppure, non possiamo che fermarci a riflettere e chiederci cosa davvero può non aver convinto Hamill sul suo Luke.

Una frase pronunciata da Luke nel teaser trailer dell’episodio VIII ha ulteriormente preoccupato i fan: Luke afferma infatti che il tempo dei Jedi è finito. Lo dirà prima o dopo dell’incontro con la sua futura padawan Rey? Perché Luke, l’ultimo degli Jedi dovrebbe credere in una tale affermazione?

Non ci resta che attendere quest’ottavo episodio, tra remore e speranze.

Cogliamo l’occasione per dirvi che domani parleremo qui su CineHunters ancora di Mark Hamill, in un altro suo famoso ruolo: quello del supercriminale Trickster. Restate con noi!

Redazione: CineHunters

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: