Vai al contenuto

"Albus Silente" - Dipinto di Erminia A. Giordano per CineHunters

"Subentrato al timone per questo terzo adattamento cinematografico, il regista messicano - come fatto già da Columbus nei due film precedenti - mostra l’avanzare dei mesi ad Hogwarts, l’alternarsi delle stagioni, ma lo fa in un modo diverso.

Columbus mostrava la venuta dell’autunno e dell’inverno attraverso le ricorrenze festive. Le zucche di Halloween che volteggiavano nella Sala Grande esprimevano l’arrivo della suddetta festività, e dunque la fine del mese d’ottobre.

Hagrid che trascinava un grosso albero in un terreno imbiancato al cospetto di un castello ricoperto di neve suggeriva agli spettatori l’avvento dell’inverno più fitto. La Sala Comune di Grifondoro piena di regali e la Sala Grande con l’albero addobbato testimoniavano all’unisono il sopraggiungere del Natale.

Cuarón non si sofferma sulle festività, non crea quella incantevole atmosfera che Columbus rendeva tanto marcata e splendida, eppure il regista messicano nel suo “Il prigioniero di Azkaban” riesce comunque a bisbigliare agli spettatori l’avvicendarsi dei periodi, il cambio delle stagioni. Cuarón lo fa attraverso il Platano Picchiatore. Le foglie ingiallite che scendono giù dai rami mentre l’arbusto assesta i suoi colpi aggressivi raccontano che l’inverno è alle porte. Poi, di seguito, la naturale fioritura a cui andrà incontro lo stesso Platano indicherà che l’inverno è agli sgoccioli e sta per arrivare una nuova stagione, quella in cui la natura tutta si risveglia: la primavera.

Il tempo passa sotto gli occhi degli spettatori, l’anno scolastico fiorisce e incede..."

L'intera saga di Harry Potter, recensita in 7 articoli introspettivi, vi aspetta ai seguenti link:

Ricordi folgoranti come un Flipendo – Harry Potter e la pietra filosofale (2001)

Ricordi folgoranti come un Flipendo – Harry Potter e la camera dei segreti (2002)

Ricordi folgoranti come un Flipendo – Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (2004)

Innocenze spezzate – Harry Potter e il calice di fuoco (2005)

Un dolore soffocato – Harry Potter e l’Ordine della Fenice (2007)

Il collezionista – Harry Potter e il principe mezzosangue (2009)

Una Vecchia Amica – Harry Potter e i Doni della Morte 2010 – 2011

"Harry Potter" - Dipinto di Erminia A. Giordano per CineHunters

Potete leggere molti altri articoli adatti alla stagione autunnale cliccando nei seguenti link:

"Halloween e la notte di Ognissanti - Hocus Pocus". Per leggerlo, cliccate qui.

"L'amore di un mostro - Il Fantasma dell'Opera". Per leggerlo, cliccate qui.

The Evil Dead Trilogy – Storia di un antieroe: Ash Williams" Per leggerlo, cliccate qui.

"L’uomo senza volto – Darkman" Potete leggerlo cliccando qui.

“Hotel Transylvania – L’amore al tempo dei mostri" Potete leggerlo cliccando qui.

"Dolore in vita, pace in morte – Il labirinto del fauno" Per leggerlo, cliccate qui.

“Casper – Posso tenerti con me?" Per leggerlo, cliccate qui.

"Quello che più ci accomuna – Il mostro della laguna nera" Potete leggerlo cliccando qui.

"E chi chiamerai? – Ghostbusters, una storia da raccontare ancora…" Potete leggerlo cliccando qui.

"L'amore oltre l'eternità - La mummia" (1999) Potete leggerlo cliccando qui.

"La mummia 1932" Potete leggerlo cliccando qui.

“Coco” – Ricordami" Potete leggerlo cliccando qui.

"S’io avessi un mondo come piace a me… – Alice nel Paese delle Meraviglie (1951)" Potete leggerlo cliccando qui.

La paranoia ed il sospetto come strumenti d’indagine nella fantascienza – Da “The Twilight Zone” ad “X-Files”, passando per “La Cosa”. Potete leggerlo cliccando qui.

MONSTER HOUSE – La libertà di un antieroe" Potete leggerlo cliccando qui.

"La gloria dell’eroe – La storia di Sir Daniel Fortesque" Potete leggerlo cliccando qui.

“Hellboy (2004) – Umanità e mostruosità" Potete leggerlo cliccando qui.

“Coraline e la porta magica – Un bottone ed un obolo" Per leggerlo, cliccate qui.

Lo spirito di un cacciatore – “Prey”. Potete leggerlo cliccando qui.

I tre volti della paura – La Cosa (1982). Potete leggerlo qui.

Occhi, labbra, naso e capelli – “Ho sposato una strega” (1942). Per leggerlo cliccate qui.

Vi auguriamo un Felice Halloween.

Un abbraccio da CineHunters!

...Il "gigante" osserva la fanciulla con invadente curiosità, la indaga con i suoi occhi rimasti incantati da quella visione femminile. Lentamente, la colossale creatura sfiora con la mano la stoffa del vestito che la ragazza indossa. Kong, delicatamente, rimuove diverse parti dell'indumento portandosele poi al viso per annusare il profumo rimasto in esso. La valenza sessuale della scena è decisamente evidente: Kong tocca Ann con accortezza, spoglia la sua "sposa" passo dopo passo, sfiorandola appena, rimuovendo gli strati della sua veste un tocco dopo l'altro, come se Ann fosse un fiore a cui sottrarre un petalo alla volta per poter giungere sino all'intimità celata alla vista...

Il 13 ottobre del 1933 "King Kong" uscì nelle sale cinematografiche italiane. Potete continuare a leggere di più su questo massimo capolavoro della settima arte cliccando nei due articoli riportati di seguito.

L’amore oltre la morte – La storia dell’ottava meraviglia del mondo

“KING KONG” – Quand’ecco che la bestia vide in volto la bella…

Redazione: CineHunters